GORLE Un successo lo spettacolo del laboratorio teatrale del Progetto Diurno di Namasté cooperativa sociale andato in scena venerdì 8 giugno, al Cinema Sorriso di Gorle.

Davanti a 300 studenti dell’Istituto Comprensivo del paese, gli attori del laboratorio hanno recitato un’opera di Lola Boffelli e Alberto Salvi, appositamente scritta e pensata per l’occasione, dal titolo “Sei connesso?“. Tema particolarmente attuale in una società ipertecnologizzata e sempre online.

… SEI CONNESSO?

Sono qui, mi vedi?
Sono alto, e a volte sono basso,
sono grasso ma forse anche un po’ magro,
sono in forma smagliante, ma sono anche depresso,
sono dritto, storto, forte, sbilenco, fragile. Sono.
Io sono.
E voglio essere visto, considerato.
Voglio essere guardato, ma non di sfuggita,
no, io voglio che mi si guardi proprio bene, negli occhi.
E poi voglio ridere a crepapelle,
camminare guardando le nuvole,
piangere su di una spalla,
e poi voglio inventarmi dei giochi,
per occupare il tempo,
una montagna di giochi, inutili, stupidi.
Voglio partecipare, voglio ridere e piangere, con te, con voi, tutti.
Lo facciamo? Sì?
E allora perché non stacchi gli occhi dal quel telefono?
Perché non molli il computer che hai davanti?
Faccine, parole contratte, selfie, like… siamo sempre più soli, tu ed io.
Convinti però di essere connessi con il mondo intero.
Raccontiamo la nostra vita sui social,
ogni piccola banalità sbattuta su Facebook, Twitter, Instagram.
I social.
Che stranezza chiamare social la cosa più di tutte non ha nulla di sociale.
Dovremmo essere connessi solo al nostro cuore.